San Pietroburgo Il portale ufficiale di San Pietroburgo è una guida importantissima per il viaggiatore!San Pietroburgo

Spartak Mosca-Zenit San Pietroburgo, Luiz Adriano-Pasalic abbattono Mancini


Spartak Mosca-Zenit San Pietroburgo, gli ex Milan fanno volare Carrera. Era il big match della 18esima giornata del campionato russo. Spartak Mosca-Zenit San Pietroburgo ha visto tanti ex del campionato italiano protagonisti in campo e in panchina. Innanzitutto i due allenatori, Massimo Carrera da una parte e Roberto Mancini dall’altra. Tra le fila dello Spartak Mosca sono stati in campo gli ex milanisti Bocchetti, Luiz Adriano e, nel secondo tempo, anche Pasalic. Nello Zenit invece c’erano capitan Criscito e l’ex romanista Paredes. Ha vinto lo Spartak per 3-1. Con questa vittoria gli uomini di Carrera accorciano in classifica a due punti il distacco dallo Zenit e a otto punti dalla Lokomotiv Mosca capolista. Avvio bruciante dei padroni di casa che dopo mezz’ora sono già avanti di due gol. Prima è Semedov a portare in vantaggio i suoi. Poi Luiz Adriano raddoppia con un destro a giro da fuori area dopo una spettacolare triangolazione con il connazionale Ze’ Luis. 

Al 35′ è Criscito ad accorciare le distanze con un bel sinistro da fuori area. Nella ripresa c’è l’assalto dello Zenit. Gli uomini di Mancini le provano tutte, anche perché lo Spartak Mosca resta in dieci per l’espulsione dell’ex sampdoriano Fernando. Carrera si copre e inserisce Pasalic al posto di Luiz Adriano. E’ proprio il croato, in prestito dal Chelsea, a chiudere la contesa in contropiede all’ultimo minuto. Terza vittoria consecutiva per lo Spartak in campionato che si sta giocando anche il passaggio del turno in Champions League. Momento difficile per lo Zenit, una sola vittoria nelle ultime cinque giornate di campionato.

Spartak Mosca- Zenit San Pietroburgo, compleanno aspro per Mancini

Compleanno con sconfitta per Roberto Mancini. L’ex tecnico di Lazio, Inter e Manchester City ha compiuto ieri 53 anni, ma con una brutta sconfitta. E’ il momento più difficile della sua avventura in Russia. Il suo Zenit è a meno 6 dalla capolista Lokomotiv Mosca. I grandi investimenti fatti in estate obbligano il tecnico jesino a cercare di vincere il campionato. Buon momento invece per Carrera, che dopo un avvio stentato di campionato sta ritrovando i giusti meccanismi che hanno portato i suoi a trionfare nel campionato russo.

Nel prossimo turno lo Zenit di Mancini giocherà in casa contro l’Ural, impegno esterno per lo Spartak di Carrera sul campo dell’Arsenal Tula. Due partite da vincere per entrambi i tecnici italiani per continuare la rincorsa alla Lokomotiv Mosca. Anche in Russia, come a ogni latitudine, vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta.