San Pietroburgo Il portale ufficiale di San Pietroburgo è una guida importantissima per il viaggiatore!San Pietroburgo

DIRETTA / Celtic Zenit San Pietroburgo (risultato finale 1-1) streaming video e tv: Decide il gol di McGregor

Diretta Celtic Zenit San Pietroburgo info streaming video e tv: probabili formazioni, quote, orario e risultato live. Sfida davvero aperta nell'andata dei sedicesimi di Europa League

DIRETTA CELTIC ZENIT (RISULTATO FINALE 1-0): LA DECIDE IL GOL DI MCGREGOR NEL FINALE


E' terminato da pochissimi minuti l'convegno tra Celtic e Zenit San Pietroburgo sul punteggio di 1 a 0, una fondamentale vittoria conquistata dai ragazzi di Rodgers che sono riusciti a sconfiggere i favoriti russi grazie allo stupendo gol realizzato da McGregor al 78'. Il numero 42 ha difatti deciso il match con un gran tiro al volo che ha concluso una bellissima azione avviata dalla discesa di Dembele che ha permesso al subentrato Musonda di servire un gran pallone all'esterno che ha così deciso l'convegno. La vittoria degli scozzesi è stata assolutamente meritatamente soprattutto per quanto visto nel corso della prima parte di gara durante la quale i ragazzi di Rodgers hanno giocato con grande intensità, riuscendo a sfiorare il vantaggio in più di un'occasione; la squadra di Mancini ha deluso le aspettative visto che è riuscita a creare qualche pericolo solo nel corso del primo tempo mentre nella seconda frazione si è limitata a gestire il pareggio. La gara di ritorno sarà sicuramente da seguire, i russi hanno tutte le potenzialità di poter ribaltare il punteggio e poter conquistare il pass per gli ottavi. 

LA SBLOCCA MCGREGOR


Quando siamo giunti all'80' della sfida tra Celtic e Zenit San Pietroburgo il punteggio è ora sull'1 a 0, a sbloccare il punteggio ci ha pensato McGregor al 78' quando dopo una bella fuga sulla sinistra di Dembele, il neo-entrato Musonda ha crossato alla perfezione per il numero 42 che, dopo aver controllato alla perfezione col petto, ha fatto partire un gran tiro da distanza ravvicinata che non ha lasciato scampo a Lunev. Vedremo se la squadra di Mancini riuscirà a reagire in questi minuti finali.

EBOUE' SFIORA IL VANTAGGIO

Quando siamo giunti al 70' della sfida tra Celtic e Zenit San Pietroburgo il punteggio è ancora impedito sullo 0 a 0. Secondo tempo assolutamente deludente quello a cui stiamo assistendo soprattutto per il netto calo dei padroni di casa che non stanno riuscendo a giocare con l'intensità mostrata nel corso dei primi quarantacinque minuti. Al 63' doppio cambio deciso da mister Mancini che ha mandato in campo Driussi e Kranevitter al posto rispettivamente di Rigoni e Kuzyayev. Due minuti dopo al 65' gli scozzesi hanno sfiorato il vantaggio quando a provarci è stato Ebouè con un potente tiro dalla distanza che Lunev è riuscito in qualche modo a respingere.

LUNEV NEGA IL GOL A NTCHAM

Si è concluso da pochissimi minuti il primo tempo della sfida tra Celtic Glasgow e Zenit San Pietroburgo sul punteggio di 0 a 0, la prima parte della giornata, l'convegno ha vissuto un'impennata nel ritmo nella parte iniziale quando al 12' Mcrgegor ha cercato il gol con un debole tiro a giro che rasoterra è riuscito a respingere senza troppi problemi. Non passa nemmmeno un minuto e già al 13' sul cross rasoterra tentato da Criscito che ha pescato nrasoterra per Zaboloty, il cui tentativo dllaa distanza ravvicinata è stato respinto dall'intento De Vries. Dopo due minuti si è consi concluso sul punteggio di parità sullo 0 a 0.

NTCHAM SFIORA SUBITO IL GOL

Al Celtic Park di Glasgow i padroni di casa biancoverdi stanno affrontando lo Zenit San Pietroburgo nell'convegno efficace per l'andata dei sedicesimi di finale di Europa League e, dopo circa 10 minuti di gioco, il punteggio è di 0 a 0. Gli scozzesi hanno raggiunto la fase eliminatoria dopo aver raggiunto il terzo posto nel girone B di Champions League alle spalle delle corazzate Paris Saint Germain e Bayern Monaco; i russi invece hanno dominato il Girone L di Europa League dinanzi al Real Sociedad, la squadra di Mancini ha vinto tutte le gare pareggiando solamente in trasferta contro il Rosenborg e sono i favoriti di questo doppio confronto. Il Celtic ha decisamente iniziato meglio riuscendo a controllare il gioco sfiorando il gol all'8' quando Dembele ha premiato l'inserimento di Ntcham che ha calciato appena entrato in area ha tentato un tiro che è uscito di poco fuori dallo specchio.

SI COMINCIA!

Celtic Zenit San Pietroburgo sarà diretta dallo sloveno Damir Skomina, che è uno degli arbitri più esperti nel panorama delle coppe europee ed è questa sera alla sua quinta gara stagionale nelle competizioni internazionali. I suoi due assistenti saranno Jure Praprotnik e Robert Vukan, mentre i due addizionali che aiuteranno in area di rigore saranno Matej Jug e Slavko Vincic. A completare la squadra arbitrale sarà Tomaž Klancnik. Tantissima esperienza per quanto riguarda l'Europa, con ben 66 gare internazionali. In Europa League sono 13 le direzioni, con 60 cartellini gialli Soltanto due rossi, mentre sono 2 le massime punizioni concesse. Non c’è più tempo per le parole adesso: lasciamo che sia il campo a dirci come andrà questa partita, noi mettiamoci comodi perchè Celtic Zenit San Pietroburgo finalmente comincia! (agg. di Claudio Franceschini)

LE STATISTICHE

Vediamo qualche statistica di Celtic Zenit San Pietroburgo. La squadra scozzese subisce pochi gol nelle ultime apparizioni anche se contro lo Zenit il azzardo di prendere gol c'è. La formazione biancoverde non deve commettere passi falsi in casa: perciò non potrà non fare affidamento sulla qualità di uno come Forrest. Centrocampista dalle spiccate doti offensive, con 42 presenze in stagione e 16 gol. Si tratta perciò del pericolo maggiore per i russi che dal canto loro conteranno su una folta colonia argentina. Qualità e soprattutto visione di gioco sono le caratteristiche principali. Dall'ex Roma, Paredes, fino ad giungere a Rigoni. Ma il centravanti di maggior pericolosità è Kokorin che è a 18 gol in stagione.

ORARIO E PRESENTAZIONE PARTITA

Celtic Zenit San Pietroburgo, partita diretta dallo sloveno Damir Skomina e valida per l’andata degli ottavi di Europa League 2017-2018, si disputerà alle ore 21:05 di giovedì 15 febbraio nella affascinante cornice del “Celtic Park” e metterà di fronte due delle possibili candidate al successo finale nella seconda più importante manifestazione continentale. Da una parte, infatti, ci saranno gli scozzesi di Brendan Rodgers, “retrocessi” dalla Champions League dopo essere stati sorteggiati in un girone di ferro con Paris Saint Germain e Bayern Monaco, mentre dall’altra ci sono i russi guidati da Roberto Mancini che, secondi in campionato, vogliono provare ad giungere in fondo a una competizione che hanno già vinto nel attuale passato, forti di un organico che ha pochi rivali a questi livelli.

I percorsi di Celtic e Zenit San Pietroburgo per giungere a questo sedicesimo di finale (che, con ogni probabilità, si deciderà nel match di ritorno in Russia essendo molto equilibrato come appaiamento) sono stati, come detto, diversi: da una parte c’è stato per i biancoverdi un drammatico girone di Champions nel quale, di fronte a due corazzate come i francesi e i tedeschi, hanno conquistato quello che almeno era l’obiettivo minimo, ovvero il ripescaggio in Europa League a scapito della “Cenerentola” Anderlecht. Ad ogni modo, l’urna non è stata benevola per Rodgers dato che dovrà subito vedersela contro i blu-bianchi-azzurri che rappresentano una delle possibili mine vaganti e che sono reduci da un girone eliminatorio vinto in scioltezza contro Vardar, Rosenborg e Real Sociedad (Girone L), con ben 16 punti conquistati sui 18 disponibili.

IL CONTESTO

Andiamo a vedere come si avvicinano Celtic e Zenit San Pietroburgo a questo delicato appuntamento in terra scozzese e che potrebbe inficiare anche la gara di ritorno. Dal momento che le competizioni europee sono ferme dallo scorso novembre, le ultime gare disputate dalle due compagini si riferiscono ai proprio campionati nazionali e, da questo punto di vista, sia Rodgers, sia Mancini sono reduci da un buon filotto di risultati. Gli “Hoops” padroni di casa, infatti, hanno conquistato ben quattro successi nelle ultime cinque uscite, perdendo solo sul campo del Kilmarnock e continuando a macinare record in una Scottish Premier League assolutamente dominata: nell’ultimo turno, inoltre, è arrivata la vittoria esterna per 2-1 fuori casa sul Partick Thistle. Più accidentato il cammino attuale dei russi che, compartecipe la pausa, invernale, hanno racimolato due vittorie e una sconfitta (pesante, contro lo Spartak Mosca per 3-1 nella capitale), mentre se si cercano le precedenti gare bisogna addirittura risalire all’1-3 rifilato alla Real Sociedad proprio nell’ultima giornata del girone di Europa League.

PROBABILI FORMAZIONI CELTIC ZENIT SAN PIETROBURGO

Quali saranno le scelte di Rodgers e Mancini in vista della sfida di andata tra Celtic e Zenit San Pietroburgo? I padroni di casa, stando alle indicazioni della vigilia, dovrebbero scendere in campo con un guardingo 4-3-3 in cui De Vries sarà tra i pali, protetto da una retroguardia folta composta da Eboue, Lustig, Simunovic e Boyata, mentre in mediana giostreranno Ntcham, Musonda e Forrest, con Dembele, Sinclair e Griffiths in attacco.

Sull’altro versante, Mancini risponderò con uno schema a sufficienza simile, anche se il suo 4-2-3-1 sarà molto più spregiudicato: Lodygin difenderà i pali, mentre dinanzi a lui la difesa a 4 sarà composta da Kuzyayev, Ivanovic, Mevlja e Criscito. In mezzo al campo ecco la regia di Paredes e Kaplenko, con Kranevitter in veste di incursore e il duo Rigoni-Kokorin a supporto della punta Zhirkov.

LA CHIAVE TATTICA

A livello di tattica, è indubbio che la sfida tra Celtic e Zenit San Pietroburgo sarà decisa soprattutto dal potenziale offensivo dei due team (nonostante i russi schierino in difesa un “califfo” del calibro di Ivanovic). Infatti, da una parte Rodgers di affiderà all’usato sicuro di Griffiths ma soprattutto a Dembele, uno dei talenti più fulgidi del calcio europeo nonostante alcuni intoppi recenti nel suo processo di crescita; gli ospiti, invece, avranno due “menti” argentine nel motore come Kranevitter e Paredes, mentre in avanti la stella è Kokorin, atteso alla definitiva consacrazione nei mondiali in casa della prossima estate.

QUOTE E PRONOSTICO

Infine, ecco una veloce panoramica sulle proposte delle principali agenzie di betting a proposito del match tra Celtic e Zenit San Pietroburgo: stando ai “bookies”, i favori del pronostico vanno leggermente più ai russi (Bwin dà a 2.65 la vittoria esterna), ma simile è la quota per il segno “1” proposta da William Hill (2.75); invece, chi volesse scommettere sul pareggio può tenere in considerazione l’interessante quota di 3.45 di Intralot. Gli amanti delle puntate su Under e Over, invece, possono puntare sulla prima evenienza (2.00) con Bet365, mentre Unibet quota a 1.81 una gara che si chiuda con almeno tre gol realizzati.