San Pietroburgo Il portale ufficiale di San Pietroburgo è una guida importantissima per il viaggiatore!San Pietroburgo

Putin: “A San Pietroburgo è stato terrorismo. Uccidere gli attentatori sul posto”

Putin: “A San Pietroburgo è stato terrorismo. Uccidere gli attentatori sul posto”

San Pietroburgo, 28 dic – L’esplosione di San Pietroburgo è un attacco terroristico. A dirlo è il presidente russo Vladimir Putin nel corso della cerimonia di premiazione dei militari che si sono distinti in Siria. Il leader del Cremlino ha anche spiegato di aver dato disposizione ai servizi federali di sicurezza di non arrestare i responsabili ma di ucciderli sul posto qualora di fronte ai terroristi vi siano rischi per la sicurezza degli agenti.

Più precisamente, l’agenzia Tass riferisce che Putin “ha dato istruzioni al direttore dell’Fsb di agire entro il quadro della legge, solo della legge, nell’affrontare questi terroristi, quando vengono arrestati. Tuttavia, se c’è una minaccia alla vita e alla salute dei nostri agenti, bisogna agire tempestivamente, non per catturare neppure uno, ma solo per eliminare gli assalitori sul posto”.

L’esplosione si è verificata nel tardo pomeriggio di ieri in un supermercato della catena Perekrestok a San Pietroburgo, all’intimo del centro commerciale Gigant Hall nel quartiere Kalininsky, nella zona nord della città. Tredici persone sono rimaste ferite, fortunatamente neppure uno in modo grave. Cinque di loro hanno rifiutato il ricovero, mentre ott si trovano ancora in ospedale.

Al momento gli inquirenti stanno cercando di ritrovare l’attentatore, che è stato filmato dalle telecamere interne al centro commerciale. Si tratterebbe di un uomo moro, dall’aspetto non slavo, che aveva sulle spalle uno zainetto. Sarebbe giunto sul posto con i mezzi pubblici e avrebbe girato per il supermercato per alcuni minuti prima di depositare lo zaino esplosivo e di andarsene facendo perdere le tracce tra la folla.

La polizia russa ha evacuato immediatamente tutta la zona e esaminato i resti dell’ordigno, e il Comitato anti-terrorismo che indaga sulle cause dell’esplosione ha aperto un fascicolo per “tentata strage”. Il potenziale esplosivo dello zainetto lasciato nel deposito bagagli del supermercato era pari a 200 grammi di tritolo.