San Pietroburgo Il portale ufficiale di San Pietroburgo è una guida importantissima per il viaggiatore!San Pietroburgo

San Pietroburgo: 5 consigli per organizzare un weekend

Cosa sapere per vivere al meglio la splendida città russa

COME ARRIVARE L’aeroporto di San Pietroburgo è raggiungibile con voli diretti da Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia grazie ai collegamenti di Alitalia, Rossiya Airlines e Air One. L’aeroporto di Pulkovo è collegato 24 ore su 24 da autobus e con il servizio di metropolitana Pushkinskaya e Moskovskaya. Durante il giorno l’aeroporto è raggiunto anche dal bus 39 che collega il terminal 1 con la stazione della metropolitana Moskovskaya. In alternativa ci sono i taxi tradizionali e i taxi collettivi russi, chiamati marshrutka. 

COSA VEDERE Il nocciolo più antico della città è rappresentato dalla Fortezza di Pietro e Paolo sull’isola di Petrograd. Il centro storico racchiude invece, i monumenti e gli edifici più famosi. Opere classiche come l’imponente e sfarzosa Cattedrale di Sant’Isacco, costruzioni architettoniche complesse come lo storico Palazzo d’Inverno, l’edificio più famoso di San Pietroburgo, le cui sale ospitano il Museo dell’Ermitage, uno dei complessi museali più prestigiosi al mondo per dimensione e opere custodite, strade grandiose come la lunghissima Prospettiva Nevskij su cui le eleganti facciate dei palazzi si alternano a cinema, negozi e locali. Il grande viale che attraversa la città di San Pietroburgo da ovest ad est unisce l’Ammiragliato al Monastero di Aleksandr Nevskij. Con le sue molteplici cupole a cipolla tra le quali spicca il campanile alto 81 metri e le decorazioni con smalti variopinti e piastrelle di ceramica e vetro colorato, la Cattedrale del Salvatore o della Resurrezione di Cristo è uno dei simboli più riconoscibili di San Pietroburgo. Il Peterhof è un magnifico complesso di palazzi, giardini, fontane, cascate e giochi d’acqua ideato da Pietro I che sognava una residenza imperiale fuori da San Pietroburgo a cui accedere via mare, somigliante alla reggia di Versailles.

Leggi anche: I mille volti (e nomi) di San Pietroburgo

DA SAPERE Prima di visitare San Pietroburgo bisogna procurarsi un visto d’ingresso. I tempi per avviare la pratica sono lunghi e quindi è necessario muoversi in tempo e non rischiare di ritrovarsi il giorno della partenza sprovvisti del visto. 

COSA COMPRARE Dai semplici souvenir ai prodotti tipici tradizionali le occasioni di shopping non mancano. Tra i mercati il più celebre si trova in un vecchio edificio risalente all’era sovietica: è quello di Kuznechny, il luogo perfetto per acquistare qualche prodotto russo come vodka o smetana, la tipica panna russa, pregiato caviale e dolci come il prjanik. Chi invece predilige l’antiquariato deve optare per il mercatino delle pulci di Udelka, una gigantesca area dove acquistare qualche cimelio dell’era sovietica come souvenir. Boutique alla moda e negozi si possono trovare al più grande centro commerciale della città, la Galeria, un grande mall a cinque piani con più di 300 negozi che diventa l’ideale per fare grandi compere. Gli amanti dell’artigianato non possono perdersi le botteghe situate nei pressi di Prospettiva Nevskij, dove gli artigiani mostrano le loro opere nei tipici atelier: ecco dunque sfilare matrioske, le celebri bamboline a incastro, ceramiche, grembiuli e asciugamani in lino, gioielli assortiti, vetri intagliati.

COSA EVITARE A San Pietroburgo, la maggior parte dei taxi è priva di tassametro. Quando si decide di utilizzarne uno è necessario concordare in anticipo una tariffa, in modo da non avere sorprese. Non bisogna quindi mai salire su un taxi senza avere preso accordi con il conducente, per evitare malintesi.