San Pietroburgo Il portale ufficiale di San Pietroburgo è una guida importantissima per il viaggiatore!San Pietroburgo
Guida ai locali

Locali a San Pietroburgo

Guida al pellegrino: Club dove andare la sera a San Pietroburgo

Questa breve guida sui locali della città, non vuole in nessun modo sputtanare quelli che sono i posti più nostrani e genuini che possiamo incontrare a San Pietroburgo, sappiamo benissimo che eventuali locali menzionati sulla nostra guida, finirebbero ben presto per divenire meta dei cosiddetti “pellegrini”, ovvero di quella categoria di italiani che rappresentano una forma di turismo “malato” fatto da viaggiatori che si recano in Russia esclusivamente con intenti effimeri che rientrano nella sfera del turismo sessuale; Ecco quindi che il nostro prontuario sarà esclusivamente dedicata a questa categoria di turisti (gente di bassa estrazione che purtroppo rappresentano il grosso del turismo italiano diretto su San Pietroburgo), evitando volutamente di menzionare quegli innumerevoli luoghi più genuini e ruspanti che invece sono una rappresentazione della vera Russia (locali frequentati esclusivamente da Russi e quindi ancora “incontaminati”), d’altronde il turista “tipo” italiano cerca posti per “pellegrini” e con questa guida sarà quindi accontentato! Che senso ha dirottarle una determinata fascia di “turisti pellegrini” in posti genuini e alla buona, quando questi poi giungendo a frotte, finirebbero non solo per sputtanare i vari locali più tipici e sinceri, ma anche con il “rovinare” la buona immagine che gli italiani tuttora vantano nei confronti dei russi che ancora poco ci conoscono? E’ nostra premura innanzitutto tutelare i nostri connazionali che in questa città ci vivono stabilmente e che rischierebbero altrimenti, di subire un forte deterioramento d’immagine, se i cosiddetti “pellegrini” dediti al turismo sessuale, incominciassero a frequentare locali che esulano dal circuito dei posti frequentati prevalentemente da costoro: Che i “pellegrini” vadano pure nei posti per “pellegrini” ma che non sforino altrove! Che diamine!
I locali descritti nel nostro prontuario sono quindi tutti ambienti frequentati da nostri connazionali, locali nei quali non c’è da stupirsi nel sentire qualcuno parlare italiano, come anche non c’è da stupirsi nel vedere qualche nostro connazionale cimentarsi con goffi e vergognosi tentativi, nell’abbordare la “fauna” locale, che tra l’altro è rappresentata in parte da uno stereotipo di fanciulle volutamente appariscenti che non corrispondono assolutamente alle ragazze russe “tipo” (la classica ragazza russa della porta accanto), ma bensì trattasi di ragazze tirate fuori dal mazzo, ovvero ragazze che difficilmente troverete nei locali nei quali sono assenti i cosiddetti “pellegrini”, perché queste in genere sono proprio a caccia del pollo da spennare o comunque cercano di arrabattarsi attingendo dal ricco indotto del cosiddetto turismo sessuale che in Russia è perpetrato prevalentemente da Italiani e Turchi (entrambi cominciano ad essere visti di mal’occhio dai russi che non hanno niente a che spartire con quest’indotto).
I locali qui menzionati, non sono tuttavia night club espressamente dedicati a un certo pubblico di basso profilo, anzi, al loro interno, tra i loro frequentatori, troviamo tantissima gente normale (e non pochi), tuttavia il turista più “pellegrino”, ha una spiccata predisposizione nel tentare l’approccio più facilmente con quelle ragazze anch’esse a caccia del “pellegrino”, vuoi perché vestite in maniera più appariscente, vuoi anche perché sono le più facili con cui attaccare bottone, vuoi anche perché se vedono il “pellegrino” che esita, saranno loro ad abbordarlo, vuoi anche per problemi di incomprensione dovuti alla lingua, di fatto, alla fin fine i cosiddetti “pellegrini”, immancabilmente finiscono per socializzare più facilmente con le “zoccole”!
Dopo questo breve inciso per noi d’obbligo onde evitare fraintendimenti, passiamo ora alla rassegna dei locali incominciando con il menzionare uno dei migliori club in San Pietroburgo, il Magrig: Un locale aperto giorno e notte diviso in più ambienti, tra cui bar caffetteria, ristorante e discoteca in stile orientale, uno stile che si rifà all’islam. L’ambiente si distingue per le bellissime ragazze che lo frequentano, e per la qualità e lo stile di alto livello che lo caratterizza, per la buona e raffinata cucina, e per la sua discoteca che durante il venerdì ed il sabato è un qualche cosa veramente notevole per l’eleganza e soprattutto l’avvenenza del suo pubblico femminile.
Come secondo locale, non possiamo fare a meno di citare il Konnyushenny Dvor, conosciuto anche con il nome inglese Marstal, un locale di notte dedicato ad un pubblico adulto, nel quale si svolgono anche spettacoli e intrattenimento a sfondo erotico, dove il pubblico viene di sovente coinvolto. L’ambiente che di fatto è un pub, dispone anche di cucina ed è aperto anche di giorno.
Citato il Magreb e il Marstal, passiamo subito con il presentarvi invece quelli che sono i locali di fascia più “popolare”, e di conseguenza anche i locali con un pubblico decisamente più giovane, che sono: Papanin, Rossi’s e Metro Club. All’interno dei primi due, troviamo anche un discreto ristorante. Il Papanin che tra i tré è l’unico ad essere fuori dal centro, assomiglia fortemente ad un altro noto locale di nome Plaza (questo invece collocato in posizione centrale), al suo interno troviamo perfino un casinò!
Il Rossi’s, è invece un tipico pub, situato in posizione molto centrale, in genere viene scelto dagli stranieri più per comodità nell’arrivarci che per altro.
Il Metro Club, è invece la classica discoteca ricavata in un capannone su tre piani, tuttavia nonostante ciò è caratterizzato da ambienti di tutto rispetto, nei quali sono rappresentati i più diversi generi musicali, c’è anche una saletta tipo “mini cinema” dove sono trasmessi video erotici. Il locale, che decisamente è un locale giovane (per studenti), ha incominciato ad essere frequentato assiduamente dai “pellegrini” che volendo dissociarsi dai locali a loro più consoni, hanno tutti individuato questo ambiente per via del fatto che non è sito nella “profonda” periferia, ed inoltre è menzionato da tutte le guide della città in lingua inglese: Il turista che cerca di allontanarsi dal centro per finire in un locale un po’ più genuino, immancabilmente va a finire qui! Ecco quindi che pian piano si è trasformato in un covo di “pellegrini”!
Passiamo ora ai locali di fascia più economica, e di livello decisamente più basso, che troviamo tutti nei paraggi del Gostiny Dvor (omonima fermata della metropolitana), in pieno centro, che riassumiamo nei locali quali il Fidel, il Guevara, il  Dacha e altri siti nella medesima zona. Essendo questi collocati in zona centrale, e con prezzi assai abbordabili, sono finiti tutti ben presto per divenire meta e ritrovo anche di quella esile categoria rappresentata dagli stranieri “messi male” che vivendo in città al “risparmio”, non vogliono comunque rinunciare ai divertimenti che la San Pietroburgo notturna sa ampiamente omaggiare a chi vuol fare le ore piccole!
Buon divertimento!

Argomenti nella stessa categoria